Se cade l'antenna dal tetto condominiale, chi risponde dei danni?

La legge prevede che il danno causato da una cosa venga risarcito dal custode della stessa salvo che questo provi la sussistenza di un caso fortuito.

in particolare l’art. 2051 del codice civile stabilisce che il danno causato da una cosa deve essere risarcito dal soggetto che la ha in custodia. Si pensi all’ipotesi di rottura di un tubo che porta acqua condotta e che causa l’allagamento dell’alloggio posto al piano inferiore, oppure al caso della caduta di una tegola da un tetto di cui non è stata curata adeguatamente la manutenzione. In tutti questi casi il soggetto che ha in custodia la cosa dalla quale è derivato il danno dovrà risarcire il danno causato a terzi. Questa responsabilità viene però meno se il fatto si è verificato per una situazione imprevedibile tanto da poter essere considerata quello che tecnicamente si definisce un caso fortuito.
In questo ambito si inserisce anche la responsabilità per danni provocati dalla caduta di una antenna dela tetto condominiale. Chi risponderà dei danni subiti dal malcapitato danneggiato? la risptsta è semplice: il custode. ma in un condominio come si individua il custode se l'antenna non è condominiale. Se l'antenna è condominiale, nessun problema, risponderà l'intero condominio, ma se l'antenna, pur collocata su spazi comuni (il tetto, una ringhiera, un lastrico solare), appartiene ad un o a più condomini?

Se l'antenna caduta in condominio è in proprietà esclusiva, del danno risponde il proprietario, custode al di là del fatto che essa sia alloggiata su suolo condominiale o in proprietà esclusiva. L'appoggio su una parte comune, infatti, rientra nell'ambito delle facoltà d'uso del beni comuni riconosciute ai condòmini ai sensi dell'art. 1102 c.c., ma ciò non elide ne rende concorrente il rapporto di custodia che si viene a creare tra proprietario e bene. Si badi: al proprietario va equiparato l'usufruttuario e a seconda dei casi anche il conduttore se e nella misura in cui sia messo nelle condizioni di manutenere (e quindi custodire) l'antenna. Se l'antenna è condominiale ed è in condominio solo tra alcuni condòmini, solamente questi saranno responsabili, anche se a essere chiamato a rispondere del danno è l'intero condominio.

Che cosa deve fare chi ha subito il danno per ottenere il risarcimento?

  • individuare il custode;

  • dimostrare il nesso di causalità tra cosa, evento e danno (caduta antenna ha causato il danno);

  • dimostrare l'entità del danno.

Il custode può liberarsi da responsabilità provando il caso fortuito. Ad esempio l'antenna è caduta per una forte, improvvisa e imprevedibile tromba d'aria.

 

 

Redazione

Laleggechiara.it è un periodico di informazione giuridica, amministrativa, fiscale, culturale.
Direttore Resp.: Michele La Rocca
Reg. trib. Vibo Valentia n. 108
del 15/01/2001 (suppl.)

Seguici su

Siamo presenti sui principali social media per informarvi in modo costante e preciso.

Contatti

  • Tel.: (+39) 331 1677326
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sede: Via Aldo Palazzeschi, 5
    89900 Vibo Valentia

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento e alla navigazione del sito. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.
Ok